Cicloturismo in Sicilia e non solo

Il vento sul viso, una pedalata silenziosa e la strada che s'inoltra nel paesaggio rurale di una Sicilia inaspettata.

Il cicloturismo è molto più che un'occasione gradevole per fare sport all'aria aperta: è un modo straordinario di viaggiare.
Il mondo scorre, sotto di te, dolcemente, una pedalata dopo l'altra, con lo stesso ritmo del tuo cuore.

La salita, la discesa, la strada che si allunga verso l'orizzonte: la bicicletta è sempre lì, a interpretare il territorio, a raccontarlo, talvolta imponendoti di riversare la tua energia sui pedali, talvolta suggerendoti di allentare la tensione e di lasciarla andare, mentre il tuo sguardo si perde nel verde e nel blu.

Ciclo Free, il principale operatore di cicloturismo della Sicilia orientale ti invita a vivere un'esperienza meravigliosa, una vacanza da ricordare, da godere con tutti i tuoi sensi.

Questa sezione del sito dedicata al cicloturismo in Sicilia è stata segnalata da Il Bloggatore

Cicloturismo in Sicilia e noleggio biciclette

Buone ragioni per noleggiare una bicicletta in Sicilia: i profumi della campagna siciliana lungo il percorso del mio tour in bicicletta

Carrube a luglio in Sicilia: un profumo caratteristico lungo i sentieri di campagna del mio tour in bicicletta

Sono appena rientrato dalle mie vacanze in bicicletta (è passato qualche giorno in verità, ma da quando sono di nuovo a lavoro il tempo ha ricominciato a volare!) e oggi, in un momento in cui qui in ufficio non succede davvero niente (è pur sempre agosto, e il resto del mondo è in ferie) ho deciso di ringraziare Giuseppe Montalto, il titolare di Ciclo Free, per la perfetta assistenza che ha dato al nostro piccolo gruppo durante il nostro meraviglioso tour in bicicletta in Sicilia.

Abbiamo deciso di noleggiare le biciclette di Ciclo Free per viaggiare più leggeri (io ho lasciato in garage la mia Bessie, fedele compagna di tutte le mie altre avventure in bicicletta lungo lo stivale). Al telefono Giuseppe ci ha fornito tutti i suggerimenti del caso: idee sul percorso, dritte sui posti più belli da visitare, proposte di alberghi, agriturismo e bed and breakfast da contattare per pernottare durante la vacanza... insomma, il suo supporto ci è stato utilissimo già prima di partire.

Una volta atterrati a Catania, siamo stati accolti ancora meglio di come ci aspettavamo già. Un grande sorriso sul volto di Giuseppe e una simpatia che ci ha messi subito dell'umore giusto per goderci la nostra avventura su due ruote.

Il percorso fra le campagne dei monti iblei è stato meraviglioso. Abbiamo anche mangiato in posti straordinari, con vedute di parchi naturali e degustando piatti tipici della gastronomia siciliana ormai introvabili nei comuni ristoranti.

Meravigliosi i maccarruna i' usu della signora Nella, all'agriturismo Tenuta Carbonara, fatti assolutamente a mano sotto i nostri occhi sbalorditi.

Guidare le biciclette di Ciclo Free è stato un vero e proprio piacere ciclisticamente parlando. Robuste, ben mantenute, affidabili e grintose... Ci siamo tutti davvero divertiti e abbiamo portato a casa, assieme al ricordo di questa splendida vacanza, anche un buon numero di belle fotografie della Sicilia.

La foto che mando (come ci ha chiesto di fare Giuseppe "... e non dimenticate di mandare anche una fotografia: il nostro sito è ricco di colore e ci farà piacere pubblicare anche i colori della vostra vacanza") rappresenta uno degli elementi che ha caratterizzato la nostra vacanza in Sicilia: il profumo forte e avvolgente delle carrube. Meravigliosa l'ombra dei carrubi, accanto ai muretti a secco, da godere nelle ore calde, e particolarissima l'esperienza di gustare il sapore selvatico e caratteristico delle carrube appena colte dai rami fragili e frondosi del carrubo... la signora Nella, per completare l'opera, ci ha poi fatto assaggiare lo Zanfarro, che ci ha colpiti per il suo gusto così rustico e unico...

Proprio una bella vacanza in bicicletta. Vale davvero la pena di noleggiare una bicicletta in Sicilia con Ciclo Free o di partecipare a uno dei tour di cicloturismo di gruppo (o individuali) organizzati con il supporto di Ciclo Free.

 


 

Ciclo Free: cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia. Noleggia una bici con noi! City bike e bici da corsa robuste e affidabili.

Ciclo Free: cycling tourism and bikes for hire in Sicily. Rent a bike in Sicily with Ciclo Free!

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:25 )

 

Buone ragioni per noleggiare una bicicletta in Sicilia: bei luoghi e ottimo trattamento.

Cagnolo a decorazione di un balcone barocco della città di Siracusa. Una delle tappe dei tour in bicicletta guidati in Sicilia da Ciclo Free

Noleggiare una bicicletta in Sicilia con Ciclo Free è stata forse l'esperienza migliore che mi sia capitata da quando faccio cicloturismo. Avevo deciso di andare in Sicilia dopo avere ascoltato il racconto entusiasta di un mio amico che aveva noleggiato nel 2009 una bicicletta di Ciclo Free. Mi aveva parlato molto bene di Giuseppe Montalto (il titolare, guida cicloturistica abilitata) ma soprattutto mi aveva esortato a scegliere il tour ibleo per via dei luoghi e dei paesaggi spettacolari attraverso i quali si snoda il tracciato del tour.

E così ho fatto una visita al sito di Ciclo Free e mi sono deciso a prendere contatti per chiedere suggerimenti per l'organizzazione del mio tour.

E' stata un'esperienza molto bella, sia sotto il profilo ciclistico (biciclette comode, nuove e molto affidabili), sia sotto il profilo paesaggistico. Ho visitato parchi naturali, aree marine protette, piccoli borghi e città monumentali come Noto e Siracusa, capitali del barocco siciliano.

Consiglio a tutti di fare un tour in bicicletta in Sicilia con Ciclo Free: ne vale la pena.


Ciclo Free: cicloturismo in Sicilia. Noleggia una bici da corsa o una city bike in Sicilia con Ciclo Free!

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:26 )

 

Cicloturismo in Sicilia: i segni della storia lungo il cammino del mio tour in bicicletta

Bunker costruito sulla costa di Siracusa. Fu usato dai tedeschi, nella seconda guerra mondiale, per ostacolare lo sbarco degli alleati in Sicilia.

"Fare del cicloturismo in Sicilia significa pedalare nella Storia".
Quando ho chiesto a Giuseppe Montalto qualche dritta per organizzare il mio tour individuale in bicicletta per le strade della Sicilia orientale (bellissimo, lo consiglio a tutti!) è questa la prima risposta che ho avuto dalla voce simpatica e sempre cordiale di Peppe.

Soltanto che quando uno sente una frase del genere il pensiero va subito ai resti archeologici greci e romani (bellissimi anche quelli!) che tutti siamo abituati a vedere rappresentati nelle cartoline e nelle brochure delle agenzie du viaggio.

Io, invece, pedalando lungo la costa, cosparsa di splendide spiagge, che decorre tra Portopalo di Capopassero e Siracusa, ho fatto l'incontro con una Storia molto più recente, ma non per questo meno coinvolgente. La foto che invio assieme a questo articolo rappresenta un soggetto che ho incontrato più volte lungo il mio cammino: uno dei numerosissimi bunker costruiti dall'esercito tedesco a difesa delle coste della Sicilia durante gli anni della seconda guerra mondiale.

Ne ho incontrati molti: alcuni mimetizzati tra le rocce, altri bene in vista, come quello di questa foto, disposto a presidio di un tratto di costa. Sono quasi impossibili da smantellare, mi ha spiegato la mia guida cicloturistica: ho persino visto, nella zona dell'Arenella, una villetta che ne ha incorporato uno all'interno del muro di recinzione, pur di non sostenere i costi dello smantellamento... chissà che non ci abbiano ricavato un ambiente abitabile!

Era una mattina grigia, quella in cui ho scattato questa foto (ho fatto il mio tour in bicicletta nel mese di marzo) e non ho potuto fare a meno di fermarmi a pensare. Ho fissato a lungo le feritoie intorno alla parete circolare del bunker, ed ho potuto immaginare le canne delle mitragliatrici e dei cannoni spuntare da quelle fessure. Nella mia mente le ho viste puntate verso le navi alleate che si stagliarono improvvisamente all'orizzonte la notte del 9 luglio 1943.

Giuseppe me lo aveva raccontato, ma tornato a casa ho voluto documentarmi dettagliatamente su quei fatti, per dare una base razionale alla forte emozione che ho provato in quei luoghi. Chi volesse saperne di più può visitare Wikipedia cliccando qui.

La campagna d'Italia cominciò con l'invasione della Sicilia, un'operazione militare fra le più imponenti che la Storia avesse visto fino ad allora: l'operazione Husky.
Per piegare la fiera resistenza dei difensori tedeschi furono impiegate sette divisioni alleate (tre divisioni britanniche, tre statunitensi e una canadese) appartenenti alla 7ª Armata USA comandata dal generale Patton e all'8ª Armata britannica al comando del generale Bernard Law Montgomery, riunite a formare il 15º Gruppo di Armate, guidato a sua volta dal generale inglese Harold Alexander. Lo sbarco (che fino ad oggi rappresenta l'operazione anfibia più imponente mai realizzata nella Storia) avvenne lungo un enorme tratto della costa meridionale della Sicilia, tra Gela e Scoglitti e tra Pachino e Siracusa. Per comprendere le portata dell'azione basti pensare che furono coinvolti, soltanto sul fronte alleato oltre 160.000 uomini.

Devono essere state ore terribili, interminabili, in cui l'assordante boato delle esplosioni copriva ogni cosa.
Pure nel silensio di quella mattina di marzo, rotto soltanto dal dolce fruscio della risacca leggera, mi è parso di ascoltare l'eco lontano di quelle grida concitate, il rumore terrificante dei cannoni, il canto ritmico e tetro delle mitragliatrici. Quanti ragazzi hanno lasciato la vita su quelle spiagge... quanti uomini sono morti per la follia di pochi potenti.

E' stata un'esperienza molto toccante, devo dire. Quando parlando con Giuseppe, alla fine del tour, gli ho raccontato di aver vissuto questa emozione, lui mi ha suggerito di leggere un bel romanzo appena scritto da un autore siciliano, L'eco del gusto, ambientato in Sicilia proprio in quegli anni. Ebbene, io l'ho letto e mi è piaciuto davvero molto il modo in cui l'autore fa vivere le atmosfere della Sicilia...


 

Per partecipare a un tour in bicicletta, individuale o di gruppo, contattate Ciclo Free: cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia.

Ciclo Free: cycling tourism in Sicily and bikes for rent.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:13 )

 

Cicloturismo in Sicilia: arte moderna tra le fronde di un albero. Belle immagini da una vacanza in bicicletta.

Rugiada su ragnatela, un'immagine molto suggestiva colta la mattina presto durante un tour in bicicletta organizzato in Sicilia con il supporto di Ciclo Free, cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia

Durante le mie vacanze in bicicletta porto sempre con me la mia macchina fotografica. Sono un ciclista abbastanza esperto e amo viaggiare leggero, soprattutto quando pedalo, ma quando il tour prevede percorsi che promettono paesaggi spettacolari come quelli della Sicilia non posso fare a meno della mia fedele reflex. Sono passato al digitale ormai da qualche anno e devo dire che, nonostante la mia ritrosia iniziale, trovo che le applicazioni moderne della fotografia digitale siano molto comode per molti aspetti.

Ho noleggiato una bicicletta in Sicilia con Ciclo Free. Sono atterrato a Trapani e poi ho fatto un tour individuale autogestito nella zona della Sicilia occidentale. Ho goduto dell'assistenza e del supporto di Giuseppe Montalto che negli stessi giorni si trovava in giro dalle parti di Marsala e quindi devo sinceramente ringraziarlo per quanto ha fatto per me.

La bicicletta che mi ha affidato era in perfette condizioni e mi dava un senso di grande affidabilità. Amo pedalare nelle ore più fresche della giornata e così ho potuto catturare l'immagine suggestiva che presento in questo mio breve contributo al sito di Ciclo Free. Sembra una collana di perle estremamente elaborata, e invece è una ragnatela intrisa di goccioline di rugiada. Nelle prime luci del mattino quelle perline risplendevano così tanto che ho potuto persino notarle mentre passavo a buona velocità accanto all'albero in cui la tela era stata tessuta dal ragno. Ho frenato e sono tornato indietro a guardare che cosa fosse quel luccichio che aveva cattuato la mia attenzione. E questa è l'immagine che vi offro, in ricordo della mia bella vacanza in bicicletta in Sicilia.


 

Ciclo Free: cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia

Ciclo Free: cycling tourism and bikes for rent in Sicily. Rent a bike in Sicily with Ciclo Free!

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:32 )

 

Buone ragioni per noleggiare una bicicletta in Sicilia: una meravigliosa granita di limoni appena colti

Granita di limone fatta a mano presso il Bed and Breakfast La Terrazza sul mare, ad Avola (Siracusa, Sicilia)

Cicloturismo in Sicilia: era tanto tempo che desideravo farlo! Alla fine ho deciso, ho concordato le ferie con le mie colleghe e, alla fine della rissa, ho avuto le date! A quel punto sono andata in internet ed ho dato uno sguardo agli operatori di cicloturismo e di noleggio biciclette attivi in Sicilia. La mia attenzione si è subito focalizzata su Ciclo Free, per via dello stile semplice e colorato del sito e per i contenuti informativi che vi ho trovato. Ho anche letto delle manifestazioni di stima rilasciate dai clienti a Giuseppe Montalto, guida cicloturistica e titolare di Ciclo Free, e così ho provato a chiamarlo direttamente al telefono: - "Ciao Giuseppe!", istintivamente gli ho dato subito del tu, e lui mi ha trattata come se fossimo amici di lunga data! Gli ho spiegato un po' quale fosse la mia idea di vacanza in bicicletta e lui mi ha dato tutti i consigli di cui avevo bisogno per organizzarne una che rispondesse esattamente ai miei desideri. In particolare io sono un'appassionata delle buone biciclette ed è per questo che ho fatto domande specifiche sui componenti che Giuseppe usa nell'assemblare personalmente le sue biciclette. Mi ha indirizzato alla pagina del suo sito che presenta le biciclette e mi ha dato tutte le informazioni tecniche che gli ho chiesto. Per farla breve ho accettato le sue proposte e sono partita.

Il mio tour in bicicletta lungo la costa della Sicilia sudorientale è stato splendido. Ho scattato molte fotografie e molte di quelle immagini mi resteranno per sempre nel cuore: Portopalo, l'Isola delle Correnti, Vendicari, Marzamemi, Noto e così via.

Ma c'è una tappa, in particolare che ha suscitato tutta la mia simpatia. Quando ho chiesto a Giuseppe dove avrei potuto assaggiare qualcosa che mi raccontasse davvero l'identità di questo territorio (sono una golosa io) Giuseppe mi ha indirizzato al Bed and Breakfast La Terrazza sul mare, di Avola. "Dì che ti mando io, e che ti facciano assaggiare la loro granita di limone". Sono arrivata al lungomare di Avola soltanto a metà mattinata, ma sono stata fortunata. Era rimasta, dalla colazione dei loro ospiti, un po' della granita preparata a mano il giorno stesso.

- "Buongiorno, mi chiamo Lara... mi ha suggerito di venire qui da voi..."

- "Prego, si accomodi! Giuseppe mi aveva accennato che forse sarebbe passata da noi!".

La signora Monello mi ha accolta subito con grande gentilezza e mi ha fatto accomodare nella loro sala colazione. Si è seduta accanto a me e assieme abbiamo degustato la loro meravigliosa granita fatta in casa con i limoni biologici della loro azienda agricola.

Era deliziosa! Il sapore dolce non era per niente stucchevole (come quella più industriale che avevo assaggiato altrove... quasi uno sciroppo), al contrario era gradevolmente armonizzato con i toni acidi e con l'aroma della scorza del limone. Ho chiesto notizie sulla preparazione e, ancora una volta, ho ottenuto informazioni via internet.

-"Anche noi, come Giuseppe e Ciclo Free, siamo partner del network L'eco del gusto", mi ha risposto. Sul nostro sito troverà tutta una serie di foto che descrivono la preparazione di questa granita passo dopo passo.

Consumata quella granita freschissima ho chiesto di pagare, ma la signora mi ha sorriso e mi ha mostrato il bicchiere quasi vuoto dal quale anche lei aveva consumato la stessa crema gelata. - "Pagare? Per avermi fatto compagnia durante la mia pausa? Ma vuole scherzare?".

Per farvela breve, non sono riuscita a pagare quella spettacolare granita. Al contrario ho potuto lasciare all'ombra la bicicletta di Ciclo Free, all'interno del cortile del Bed and Breakfast e sono scesa a fare il bagno. Pedalata di mattina presto, deliziosa granita a metà mattinata, bagno nelle acque spettacolari del lido di Avola e poi di nuovo in bicicletta fino a Fontane Bianche, Siracusa, per il pranzo...  WOW!

Lara


 

Di seguito riportiamo le immagini dell'intera sequenza della preparazione della granita di limoni biologici fatta in casa secondo la ricetta originale siciliana.
Le immagini sono parte del patrimonio fotografico de L'eco del gusto e sono state scattate da Emanuele Lombardo, autore di questo bel romanzo ambientato in Sicilia.

 

 

 


Ciclo Free: cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia. Bicycling tourism and bikes for hire in Sicily. Rent a bike in Sicily with Ciclo Free!

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:24 )

 

Noleggiare una bicicletta in Sicilia e... tornare indietro nel tempo

Il castello di Donnafugata, immerso nella verde campagna di Ragusa, sui monti Iblei. E' stata una tappa del tour individuale in bicicletta dell'autore di questo articolo che ha noleggiato una bicicletta con Ciclo FreeSono sempre stato appassionato dei film sulla Sicilia antica. E' per questo che, quando ho sapoto che Ciclo Free è partner del movimento culturale de L'eco del gusto ho voluto leggere questo bel romanzo di Emanuele Lombardo ambientato nel periodo della seconda guerra mondiale.

Sebbene il periodo in cui si colloca questa storia sia molto lontano da quello in cui è ambientata la trama del romanzo Il gattopardo, di Tomasi di Lampedusa, leggendolo ho avuto l'impressione di ritrovare un comune colore sullo sfondo: quello di una terra dal carattere forte e inconfondibile come la Sicilia.

Anche quest'anno ho voluto cogliere l'occasione di noleggiare una bicicletta in Sicilia con Ciclo Free, che mi sembra l'operatore più attivo e meglio organizzato nel campo del cicloturismo in Sicilia, e ho deciso, questa volta, di esplorare la zona dei monti Iblei, a cui il portale www.ciclofree.it fa spesso riferimento con toni sognanti. Ho coluto andare personalmente a respirare quell'atmosfera e a vedere se realmente ne valesse la pena.

Ebbene, devo dire di sì. Fra le tante cose belle che ho visto (e che ho assaggiato!) l'esperienza che forse mi ha colpito di più è stata la visita al castello di Donnafugata. Già il solo avvicinarsi a quella zona, immersa nel verde tipico delle campagne Iblee, è di per sé un'esperienza emozionante. Ma l'entrare a piedi nel castello e visitare le sfarzose sale in cui furono girate le scene del famoso film Il gattopardo, tratto dall'omonimo romanzo, e, nel silenzio antico di quelle stanze, immaginare gli attori recitare nei loro costumi d'epoca è stato per me davvero qualcosa di meraviglioso.

E' una tappa che consiglio a tutti coloro che vorranno noleggiare una bicicletta in Sicilia, sia essa una city bike o una bici da corsa. Il percorso si presta a entrambi i modelli ed è abbastanza alla portata di tutti i ciclisti.

Ringrazio Giuseppe Montalto, titolare di Ciclo Free per la sua preziosa assistenza nel corso del tour (quando ho avuto qualche piccolo imprevisto è stato confortante sapere di poter contare in ogni momento su di lui).

 


 

Ciclo Free - cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia

Ciclo Free - cycling tourism and bikes for hire in Sicily. Rent a bike in Sicily


 

Ciclo Free è partner ufficiale del movimento culturale de L'eco del gusto, un progetto di promozione delle imprese siciliane ispirato alla trama del bel romanzo L'eco del gusto. Questo bel libro descrive una storia d'amore, un'avventura in Sicilia a cui fanno da scenario gli anni della seconda guerra mondiale. Le belle fotografie di questo portale sono state scattate quasi tutte dello scrittore siciliano Emanuele Lombardo e fanno parte del ricco patrimonio culturale de L'eco del gusto.

All'interno dello stesso network coesistono realtà diverse, imprese impegnate nel campo del turismo, dell'accoglienza e della gastronomia tipica di qualità. Da poco è entrato a far parte del network anche una bella struttura d'accoglienza turistica, il bed and breakfast a Modica Il vicoletto di Emilio, che sorge in una tipica casa vacanze di Modica, restaurata nel rispetto della tradizione popolare del uogo. La casa è parzialmente costruita in mattoni e parzialmente scavata nella roccia viva. Un luogo graziosissimo per dormire in Sicilia e trascorrere una bella vacanza sui Monti Iblei.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:33 )

 

Gelsi bianchi direttamente dall'albero: buone ragioni per noleggiare una bicicletta in Sicilia... con Ciclo Free!

Gelsi bianchi gustati direttamente dall'albero: Cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia con Ciclo Free significa anche questo! C'è una cosa che facevo sempre da bambino e che è rimasta nella mia memoria come qualcosa di magico, di favoloso. Insieme a mio padre e a mio fratello andavamo in campagna dai nonni in Toscana. Loro avevano un enorme frutteto, una specie di piccolo paradiso dell'Eden, all'interno del quale noi ci muovevamo liberi di osservare la Natura esprimersi attraverso il corso della maturazione dei frutti, attraverso l'interazione delle piante con il terreno e con gli animali della fauna selvatica. E c'era anche il momento in cui potevamo assaggiare liberamente i frutti coltivati dal nonno. Li raccoglievamo direttamente dai rami degli alberi e li assaggiavamo così come la Natura ce li regalava. Nel suo piccolo il nonno era un bravo contadino e, a mio modesto avviso, fu uno pioniere della moderna agricoltura biologica.

Ebbene, quel sapore intenso di frutta, quel colore e quei profumi forti, penetranti, generosi... erano anni che non mi capitava più di goderli.

Quest'anno ho noleggiato una bicicletta in Sicilia con Ciclo Free. Ho fatto un tour individuale in giro per le strade secondarie delle campagne della Sicilia orientale, con il prezioso supporto delle indicazioni di Giuseppe Montalto, guida cicloturistica e titolare di Ciclo Free.

Non solo mi ha consigliato strade dai quali ho potuto godere la vista di paesaggi meravigliosi, ma mi ha anche incoraggiato a fermarmi presso alcuni suoi conoscenti che vivono nella zona che avevo deciso di esplorare nel mio tour individuale in bicicletta.

Ebbene, è stato proprio incontrando una di queste gentilissime persone che ho potuto rivivere quell'esperienza favolosa di ascoltare direttamente la voce degli alberi attraverso il sapore forte e generoso dei loro frutti.

Quello che vedete nella fotografia che ho mandato è un frutto dell'albero di gelsi bianchi sotto il quale ho passato una buona mezz'ora a chiaccherare con l'anziano contadino che mi ha accolto come se mi conoscesse da una vita.

Una sosta deliziosa, per il palato e per lo spirito e poi, via, di nuovo immerso nello spettacolo dei paesaggi siciliani.

Devo davvero ringraziare Giuseppe Montalto e Ciclo Free per questa esperienza di ciclismo e di turismo territoriale davvero unica. Buona la qualità delle biciclette, per altro in ottimo stato di manutenzione, indovinatissima la scelta dei tracciati del tour attraverso la Sicilia sudorientale. Ho pedalato sempre su strade secondarie, attraverso paesaggi gradevoli e talvolta così belli da mozzare il fiato. E grazie a Giuseppe ho anche avuto la possibilità di incontrare la gente del luogo.


Scegli Ciclo Free per noleggiare una bicicletta in Sicilia e richiedi assistenza per organizzare il tuo tour in bicicletta in Sicilia.

 

Ciclo Free: cicloturismo in Sicilia e noleggio biciclette in Sicilia.

Ciclo Free: bicycling tourism and bikes for hire in Sicily.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:32 )

 

Cicloturismo in Sicilia: percorsi e paesaggi indimenticabili

Vizzini (Catania) una splendida vista panoramica del paese dalla strada che ho percorso in bicicletta, lungo l'itinerario proposto da Ciclo Free

Ho il piacere di inviare questo breve contributo al bel sito di Giuseppe Montalto, probabilmente la migliore guida cicloturistica che io abbia mai incontrato nei miei numerosi tour in bicicletta in giro per l'Italia, dato che ho organizzato il mio giro in bicicletta della Sicilia con il supporto e con la collaborazione di Ciclo Free.

Ho noleggiato una bici da corsa e posso testimoniare che il modello assemblato personalmente da Giuseppe è davvero un prototipo di ottima qualità. Direi che guidare quella bicicletta mi trasmetteva un senso di stabilità e di grande affidabilità. Promuovo, dunque, a pieni voti e sinceramente Ciclo Free come fornitore di biciclette a noleggio.

Ma la ragione per cui ho deciso di inviare questo contributo al sito di Giuseppe sta nel valore che ha avuto per me il suo supporto, in fase di organizzazione della vacanza, nella scelta dell'itinerario del mio tour individuale in Sicilia.

Desideravo infatti tracciare un percorso nuovo, che mi portasse ad attraversare tratti della Sicilia meno scontati e più veraci. Non sono infatti il tipo di turista che desidera andare soltanto a Taormina e a Piazza Armerina. Amo, invece, inoltrarmi nel cuore più nascosto di una regione e vivere da vicino il contatto con la cultura del posto che vado a visitare.

Ci stavamo sentendo per telefono, quando spiegavo a Giuseppe questo mio punto di vista, ma giurerei di avere visto i suoi che s'illuminavano mentre gli chiedevo di disegnare per me un percorso nuovo e alternativo alle tratte più classiche offerte dai tour operator.

I suoi suggerimenti sono stati preziosi. I paesaggi che ho visto, e che ho fotografato, percorrendo strade secondarie lungo il tragitto Caltagirone, Vizzini, Palazzolo, Modica, Portopalo, Noto, Siracusa, mi hanno davvero conquistato. A questa email allego una foto del bellissimo paesino di Vizzini, di cui avevo letto a scuola, da ragazzino, quando studiavo in antologia della letteratura italiana le opere di Giovanni Verga: Cavalleria rusticana, La lupa, Mastro Don Gesualdo etc...

Il paese conserva ancora oggi, per quanto sia invaso dalle macchine, come quasi tutto il resto del nostro mondo civilizzato, quell'atmosfera rurale tipica dei racconti di Giovanni Verga. Lo vedi spuntare, arroccato sul cocuzzolo di una collina, circondato da campi di fichi d'India, svoltando da un tornante. E' davvero una visione suggestiva, questo gruppetto di case che spunta in mezzo alla campagna siciliana, un'emozione per la quale ancora oggi mi sento di ringraziare Giuseppe Montalto e quindi Ciclo Free.



Ciclo Free - cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia - Cycling tourism and bikes for hire in Sicily. Rent a bike in Sicily with Ciclo Free!

Per informazioni e prenotazioni scrivete a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:26 )

 

Cicloturismo in Sicilia - Siracusa greca e romana

Siracusa, il parco archeologico. Anfiteatro romano. Una tappa imperdibile di un tour di cicloturismo a Siracusa

Anche quest'anno ho avuto il piacere di noleggiare una bicicletta con Ciclo Free e, dato che ho saputo che da poco il simpaticissimo Peppe Montalto ha provveduto al restyling del suo sito, ho deciso di scrivere due righe sulla vacanza in bicicletta che ho fatto a Siracusa, in Sicilia.

Amo questa città, d'altronde ci vengo sempre con la mia famiglia. Affittiamo una villa al mare e andiamo a fare il bagno nelle bellissime spiagge della costa: l'arenella, la fanusa, fontane bianche...
Oltre a godere del mare e del clima gradevole di questa zona, però, mi concedo sempre il piacere di una bellissima pedalata lungo la costa orientale della Sicilia. Sono stato a Marzamemi, a Portopalo, all'Isola delle correnti. Quest'anno, invece, abbiamo preso una villa in affitto dalle perti del Plemmirio. E così, con l'ottima bicicletta che Peppe Montalto è venuto a consegnarmi fino in villa, ho deciso di girare il centro storico di Siracusa.

Ero già stato in questi luoghi, ma ogni volta è un'emozione forte. Tra le pietre bianche del parco archeologico di Siracusa si respira davvero l'alito della Storia antica. Il carattere greco e romano di questi resti trasuda da ogni masso intagliato. Mi sono fermato a guardare l'anfiteatro romano e ho immaginato la folla degli spettatori accalcata in occasione degli spettacoli cruenti organizzati in quel luogo durante il dominio dei romani. Il silenzio, tutto attorno, permetteva di concentrarsi veramente in quell'esperienza... Un'emozione davvero unica.

Consiglio a tutti di andare in Sicilia a godere di una vacanza in bicicletta e di affidarsi all'esperienza di Giuseppe Montalto, il titolare di Ciclo Free. E' guida cicloturistica affidabile e conosce bene il territorio, e poi è una persona davvero gradevole Risatona.


Ciclo Free - cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia - Cycling tourism and bikes for hire in Sicily. Rent a bike in Sicily with Ciclo Free!

Per informazioni e prenotazioni scrivete a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:33 )

 

Rent a bike in Sicily: buone ragioni per... imparare le lingue!

Rent a bike in Sicily! Che incontro ragazzi!

"Rent a bike! Rent a bike!", continuava a ripetermi, ma io, purtroppo non avevo idea di che cosa stesse cercando di dirmi!

Mi trovavo di fronte alla più bella ragazza che avessi mai incontrato nella mia vita: era atletica, simpatica, dal viso solare. Era stata lei a fermarmi, mentre pedalavo fra le vie di Noto, durante quel bellissimo (e adesso mio malgrado, indimenticabile) tour in bicicletta che ho fatto in Sicilia con la guida di Ciclo Free.

Non mi sembrava possibile che quell'apparizione, quella splendida ragazza facesse cenno a me di fermarmi.

Ero sudato per la lunga pedalata che avevo fatto, e questo, mettendomi in imbarazzo, mi faceva sudare ancora di più! Quel viso splendido continuava a farfugliare parole incomprensibili, in inglese, una lingua impossibile per me, che a scuola ho sempre studiato francese e che mi sono sempre rifiutato di impegnarmi anche a imparare l'inglese. "A che cosa potrebbe mai servirmi?" mi chiedevo. "Nel mio lavoro non mi serve e quando viaggio riesco sempre a farmi capire a gesti da chiunque...".

Insomma, avevo una serie di buone scuse per coprire la mia pigrizia...

Ebbene, quel giorno ho rimpianto tutte quelle considerazioni.

Una splendida ragazza, bionda, non troppo alta, occhi colore... che occhi ragazzi!, mi aveva fermato per strada. Con un piede ancora sul pedale e con l'altro appoggiato al marciapiede ascoltavo quello che continuava a ripetermi: "Rent a bike! Rent a bike!"

"Ma che vuol dire rentabike?" mi chiedevo mentre mi perdevo nella profondità del blu di quegli occhi. Mi sembrava di ricordare quella frase. Dove l'avevo letta? Dove l'avevo sentita? Più aumentava il mio imbarazzo e meno riuscivo a connettere...

Il risultato fu che riuscii a mala pena a sorridere... devo esserle sembrato un ebete...

Poi, delusa, mi salutò, mi sorrise e se ne andò. La seguii con lo sguardo e mi chiesi ancora una volta perché mi avesse fermato e che cosa volesse dire con quella frase che ripeteva in continuazione... "Rent a bike!"... mah! Mistero.

Mi ci vollero dieci minuti buoni per tornare in me dall'emozione e altri dieci per ricominciare a guidare la bicicletta che avevo noleggiato senza andare a zig zag come un ubriaco...

Alla fine della tappa, in albergo, incontro la mia guida, il mitico Peppe Montalto e gli racconto tutto.

"Rent a bike? Ma allora voleva affittare una bicicletta! Glielo hai dato il mio numero?" Mi chiede Giuseppe.

"Il tuo numero? Semmai le davo il mio!" Gli rispondo, e tutti e due scoppiamo in una fragorosa risata.

"RENT A BIKE": Affittare una bicicletta! Quella ragazza aveva capito che ero un cicloturista e dal logo di Ciclo Free stampato sul telaio aveva capito che la bicicletta che stavo guidando era stata presa a noleggio. Quindi voleva effettivamente chiedermi informazioni per noleggiare una bicicletta... Ignoranza infame!

Che cosa ho fatto dopo? Mi sono iscritto a una scuola d'inglese e ho anche acquistato un corso di lingua inglese su CD che mi ha consigliato il buon Peppe Montalto.

E adesso? Adesso so bene che cosa significhi "rent a bike", and I'm planning to go back to Sicily, ho in mente di tornare in Sicilia a fare un'altro tour in bicicletta con Ciclo Free... devo tornare a tutti i costi sulle strade di Noto... hai visto mai!


 

Ciclo Free: cicloturismo in Sicilia e noleggio biciclette

Ciclo Free: bicycling tourism and bikes for hire.

Per informazioni e prenotazioni scrivete a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:29 )

 

Buone ragioni per noleggiare una bicicletta in Sicilia: un incontro interessante pedalando fra i monti iblei

La vecchia bussola di un topografo siciliano accanto a una buona forma di pane di casa

"Amo il cicloturismo perché amo il turismo. Amo il cicloturismo perché amo il ciclismo. Amo il cicloturismo perché mi piace vivere, e pedalare in piena libertà è davvero un bel modo di vivere. per me il cicloturismo è una vacanza ricca di energia e di emozioni forti!"

Con queste parole piene di entusiasmo, il nostro lettore condivide con gli altri visitatori di questo portale tutta la gioia che ha provato durante il tour individuale di cicloturismo che ha compiuto in Sicilia con la guida e con l'assistenza di Ciclo Free, il principale operatore professionale di cicloturismo nella Sicilia orientale.

Oltre allo spettacolo dei paesaggi e dei profumi della campagna iblea, il nostro ciclista entusiasta ci parla di un incontro molto interessante che ha fatto fra le rocce bianche dei monti iblei.

"Stavo pedalando in una strada di campagna, fra muretti a secco fatti di grosse pietre bianche, quando, arrampicato su un enorme masso calcareo vedo, in controluce, la sagoma di un uomo intento a traguardare attraverso una sorta di strano cannocchiale. 'Che sta facendo?', gli chiedo incuriosito. Mi avvicino e noto subito che la sua attrezzatura sembra uscita da un museo della scienza e della tecnica: è tutta fatta in legno e in metallo scuro. Nessuna traccia di apparecchiature elettroniche. 'Faccio un rilevamento', mi risponde lui con gentilezza, distogliendo per un attimo lo sguardo dal suo strumento. 'E' un ingegnere?', gli chiedo. 'Sono un topografo', mi risponde lui, stavolta senza nemmeno allontanare l'occhio dal mirino del suo curioso strumento. Rimango lì a guardarlo intento nelle sue osservazioni. In mano tiene un blocco note e di tanto in tanto si sofferma a fare dei calcoli. Appunta scrupolosamente i risultati sul suo taccuino e poi riprende l'osservazione.

Quando ha finito, scende e si presenta con garbo. E' un tipo un po' all'antica, molto educato e dai modi gentili.

'Non ci sono apparecchiature più moderne per fare questo lavoro?', gli chiedo con una punta di insolenza, di cui subito mi rammarico.

'Sì, certo che ci sono, ma è non ho molta fiducia nei risultati di queste apparecchiature così sofisticate'. La sua voce ha un tono un po' critico. 'Anzi, è proprio a causa della eccessiva fiducia di un mio collega nelle sue attrezzature modernissime, che adesso io mi trovo qui a fare questo lavoro come si faceva trant'anni fa'.

Quello che ho incontrato era un topografo vecchio stampo. Non era una di quelle persone che si rifiutano di comprendere le nuove tecnologie, ma aveva conservato la capacità, cosa rara ormai, di usare la mente prima delle macchine. 'Non basta schiacciare un bottone', mi ha detto, 'per essere un bravo topografo', e poi ha passato 15 minuti buoni a spiegarmi la geometria che sta alla base del sistema di misurazione che stava usando.

Non sono in grado di descrivere nemmeno la metà dei principi che mi ha illustrato. Ricordo solo che tutto si basava sulle proprietà dei triangoli simili. Quello che mi ricordo bene, però, è che a un certo punto, davanti a me, ha estratto la radice quadrata di un numero a tre cifre... e io non sono più nemmeno capace di fare le divisioni in colonna con carta e penna.

E' stato un incontro molto stimolante, perché ho avuto la possibilità di incontrare una persona innamorata del proprio lavoro, che lo faceva con passione e con grande impegno, usando la mente, anziché sperare che le soluzioni gli arrivassero da apparecchiature estremamente complicate.

Mi è piaciuto, perché secondo me anche il cicloturismo si basa sullo stesso principio. Non c'è nulla di più semplice di una bicicletta. Bisogna salirci sopra e pedalare. Quello che ottieni dalla tua bicicletta dipende tutto da te. Minima tecnologia, massima interpretazione personale. Non c'è la cilindrata del motore a stabilire la velocità con cui ti muovi nel territorio. Ci sono soltanto le tue gambe, il tuo fiato, il tuo cuore.'


 

Ciclo Free - Cicloturismo e noleggio biciclette in Sicilia - Tour in bicicletta individuali e di gruppo, Turismo in bicicletta in Sicilia.

Ciclo Free - Cycling tourism and bikes for hire in Sicily. Individual and group cycling tours. Rent a bike in Sicily with Ciclo Free!

Visita anche www.ecodelgusto.com/ciclofree/

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 05 Febbraio 2015 23:35 )

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 7